La settimana, in musica

La musica della settimana dal 12 al 17 Marzo

A cura di Gabriella Ballarini e Juri Bomparola

Alice, non una radio qualunque di Cora Ranci

Parlando di radio libera, ma libera veramente, non posso che proporre il brano di Finardi.
Le vicende bolognesi relative a Radio Alice sono state specchio di una società divisa in due corsie.
Una rivoluzionaria, vogliosa di dar voce a ogni pensiero e denuncia politica e sociale.
L’altra conservatrice, premurosa nel voler mantenere l’ortodossia della comunicazione generale, per non turbare, o meglio sollecitare, il pensiero libero della massa.
Quando una radio è libera, ma libera veramente, piace ancor di più.
Perché libera la mente.

Siria, la libertà tradita di AA.VV.

Mi sono trovato in ambasce, di fronte a un argomento tanto delicato e troppo grande per essere incorniciato, anche se solo musicalmente.
La Questione Siriana non è solo attuale, ma pregressa.
Ho cercato risposte e trovato questo lamento cantato dai bimbi.
Chiedono pace, sicurezza e dignità.
Nel frattempo noi possiamo informarci e fare la nostra parte, piccolissima, leggendo “Siria, la libertà tradita”, disponibile in formato kindle.
E-book per comprendere.
Dopo sei anni di terribili conflitti, facciamo chiarezza su cos’è la Siria, cosa era e cosa vorrebbe tornare a essere.

Salvare Israele di Christian Elia

E arrivata alla parola disumanizzazione non ho saputo pensare ad altro.
E il cantante dice: Io credo che apparteniamo tutti ad una stessa famiglia, che è la famiglia umana.
La musica di questa canzone ci tiene in piedi, ci spinge a ballare, chi chiede di immaginare un mondo dove non c’è più nessuno.
Non facciamoci dominare dalla paura. Mai.

I medici di Daraa, resistenza ‘Under Fire’ di Marta Bellingreri

Marta Bellingreri ci ricorda l’incomunicabilità, quella spinta rivoluzionaria, la distruzione e la fine di qualcosa, ma sempre con la speranza delle strade e della gente che sa amare.
Nei tuoi occhi c’è una luce che riscalda la mia mente.
Restire facendo il proprio mestiere, rivoluzionari silenziosi che combattono la propria battaglia.

Salvini OFF di Angelo Miotto

Il signore delle felpe, come lo chiama Angelo Miotto, l’uomo Salvini che purtroppo non saprebbe nemmeno comprendere le parole di questa canzone.
Nella speranza che qualcuno potrà, un giorno tradurgli questo passaggio: Insane in the brain!

Sheiri rojhelat 7 di Linda Dorigo

Ho fermato un colore, della cartolina di Linda Dorigo.
Rosso.
Rosso che manca di sera.
A me piace parlare con te,
tra sogni infranti e tragiche risate.

La matita di Enrico Natoli

È un amore impossibile, quello che mi chiedi.



Sosteneteci. Come? Cliccate qui!

associati 1

.