One shared house

Un futuro distopico, un mondo che deve inventarsi di nuovo, ripartendo dalla condivisione degli spazi

di Redazione

Pianeta Terra, anno 2030. La popolazione mondiale è arrivata a otto miliardi di individui, dei quali oltre il 70 percento vive nei centri urbani.

E’ necessario ridisegnare le coordinate del vivere e dell’abitare così come le abbiamo conosciute per secoli.

One shared house, progetto multimediale del laboratorio di architettura danese SPACE10, riflette e immagina come ridividere uno spazio diventato troppo piccolo.

Un progetto culturale, un gioco, per riflettere e sperimentare.

CLICCA SULL’IMMAGINE PER NAVIGARE IL MULTIMEDIA



Sosteneteci. Come? Cliccate qui!

associati 1

.