Kosovo versus Kosovo

 Kosovo versus Kosovo è un documentario indipendente del 2012, promosso da Distribuzioni dal Basso, dei registi Andrea Legni e Valerio Bassan.
Il film è un viaggio attraverso l’ultimo stato nato in Europa, per raccontare una realtà dimenticata dai media mainstream.

 La pagina del documentario sul sito Distribuzioni Dal Basso

Nonostante il Kosovo abbia autoproclamato la propria indipendenza nel 2008 (ancora non riconosciuta da oltre la metà dei paesi membri dell’Onu e limitata dalla perdurante presenza sul territorio delle missioni di Nato, Onu e Unione Europea), le zone serbe all’interno del Kosovo rimangono realtà parallele. L’area del Paese a nord della città di Mitrovica, abitata quasi esclusivamente da serbi, è parte del nuovo stato soltanto secondo le cartine: al suo interno, infatti, il governo kosovaro non ha alcuna autorità. Mentre a sud del fiume Ibar, che attraversa Mitrovica segnando, di fatto, il vero confine tra Serbia e Kosovo, circa 50mila serbi vivono in piccoli villaggi monoetnici sparsi un po’ su tutto il territorio. Gli abitanti di queste aree votano sindaci riconosciuti solo da loro stessi, utilizzano una propria moneta, hanno infrastrutture, scuole e ospedali gestiti direttamente da Belgrado. Cercano, tra molte difficoltà, di custodire e rivendicare una propria autonomia dallo stato kosovaro.

L’obiettivo di Kosovo versus Kosovo è quello di raccontare la realtà quotidiana delle enclave serbe attraverso le immagini e le voci di chi le abita.



Lascia un commento