Calcio, divise e sfruttamento

di

13 giugno 2018

Alla vigilia dei mondiali di calcio, un rapporto di Collectif Ethique sur l’Etiquette e Clean Clothes mostra con dati, grafici e analisi come marchi quali Nike e Adidas delocalizzino e subappaltino la produzione spendendo però cifre da capogiro per aggressive campagne di marketing funzionali al loro modello di business.

La maggior parte della produzione sportiva è in Indonesia, dove le donne rappresentano circa l’80% della forza lavoro del settore, percependo salari spesso largamente al di sotto della soglia di sussistenza.

Nel mondo capitalista globale, il flusso di denaro viene invece destinato da Nike e Adidas al marketing e agli sponsor. Perché la maggior parte delle volte non si tratta di risorse che non ci sono, bensì di scelte ben precise su come queste risorse vadano distribuite.

Mediateca

Qui il rapporto completo

Collectif Ethique sur l'Etiquette e Clean Clothes