Sentiti Libera. Moby Prince, una strage ancora senza colpevoli

di and

10 Aprile 2021

Sono passati trent’anni dal disastro nella rada di Livorno del 10 aprile 1991. Il podcast con l’intervista a Francesco Sanna

10 aprile 1991, ore 22.25, rada di Livorno. Il traghetto Moby Prince, diretto a Olbia, entra in collisione con la petroliera Agip Abruzzo. La prua del traghetto squarcia una delle cisterne del greggio trasportato dalla nave lunga 280 metri e contenente 82mila tonnellate di Iranian-Light: il petrolio prende rapidamente fuoco, incendiando il Moby Prince. Sulla nave ci sono 141 persone, tra i passeggeri e il personale di bordo. Nonostante il traghetto – partito alle 22.03 – non fosse lontano dal porto di Livorno, i soccorsi arrivano troppo tardi: le vittime sono 140.

Trent’anni dopo il più grave incidente della marineria italiana, tante domande non hanno ancora risposta. Tra accordi, insabbiamenti, assoluzioni e prescrizioni, ci sono verità giudiziarie e storiche che si scontrano, mentre i familiari non hanno mai smesso di chiedere giustizia. 

Il podcast di Sentiti Libera, a cura di Sofia Nardacchione, con l’intervista a Francesco Sanna, giornalista e co-autore del libro “Il caso Moby Prince, la strage impunita”: