Sezione: Itineramente

Danubio, diari della bicicletta

Danubio, vena azzurra d’Europa, dal Bastione dei pescatori di Budapest al confine ottomano di Kalemegdan, la fortezza di Belgrado. Seicento chilometri in bicicletta tra campi e pianure, piazze austroungariche, memorie cristiane, ottomane, ortodosse

Sulcis, il mare fuori dal tunnel

Per alcuni è colpa dei sindacati, per altri dello Stato e dei padroni. Resta il fatto che chiuse le miniere, il Sulcis in Sardegna si è come paralizzato. Tra i problemi da risolvere, non c’è quello di una regione splendida, da raccontare a piedi, con lentezza, per ammirare la sua bellezza e riflettere sulla sua storia

Notturno Berlinese

Berlino non è mai Berlino, disse una volta Jack Lang. Perché cambia, perché demolisce, perché cancella pezzi di storia diventati ingombranti: la Cancelleria del Reich, il bunker di Hitler, il Palast der Republik. Ovviamente il Muro. Ma la memoria è più forte e tenace e parla a ogni angolo di strada.

Via Padova, Milano

Un viaggio è smarrimento, confronto, domanda e risposta. A volte, però, un viaggio è anche assenza. Via Padova, a Milano, è così. Una terra di mezzo, una stanza della vita. Che resta là, in attesa di essere abitata dalle storie che la attraversano.