Black Panther: Wakanda Forever

Lettura: 9 minuti

La fase 4 del Marvel Cinematic Universe non ha finora, rispetto ai precedenti, l’universo che ha acquisito slancio in termini di narrazione e connessioni che hanno portato alla saga di Infinity. Alcuni dei migliori momenti della Fase 4 sono stati presentati negli spettacoli piuttosto che nei film, da WandaVision a Loki e Ms.Marvel e a quel piccolo gioiello dell’orrore e tributo ai classici film horror statunitensi degli anni ’40 che è “Werewolf by Night” di Michael Giacchino, con Gael Garcia Bernal; un film che è stato invece una notevole eccezione è stato “Shang Chi e la leggenda dei dieci anelli” di Destin Daniel Cretton, un film che ha seguito l’approccio alla diversità e all’inclusione, cementato con quella pietra miliare che è stata Black Panther.

Per questi motivi e molti altri, Black Panther Wakanda Forever è stato perfetto come capitolo finale della Fase 4, e un film che in un certo senso ha generato aspettative ancora maggiori rispetto al suo predecessore, il primo film di supereroi con un cast nero centrale ad essere nominato per diversi Academy Awards e una potenza culturale globale senza precedenti per la rappresentazione dei neri sullo schermo.

La sfida per il cast, che torna al sequel in gran parte (con alcune importanti eccezioni, come Daniel Kaluuya) e per il suo regista, Ryan Coogler, è stata ardua, soprattutto vista la morte di Chadwick Boseman, attore che ha interpretato, oltre a King T’Challa, icone afroamericane come Thurgood Marshall, Jackie Robinson e James Brown e ha anche lavorato con Spike Lee nel suo “Da 5 Bloods”.

Anche se la Marvel non sarebbe stato il primo studio a passare un nuovo ruolo quando un attore muore (come Harrison Ford, che sostituirà il defunto William Hurt nei panni di Thunderbolt Ross in Captain America: New World Order), Boseman era semplicemente troppo centrale e importante e, semplicemente, insostituibile.

Tuttavia, come M’ Baku, interpretato da Winston Duke (che ha un ruolo più ampio e stratificato in questo sequel) dice “La Pantera Nera vive” , sottolineando anche come, mentre Boseman non c’è più, la sua presenza può essere avvertita dal primo fino all’ultimo minuto di questo sequel , facendo eco alla sua famosa battuta in Captain America: Civil War: “Nella mia cultura, la morte non è la fine”.

Il dolore apre il film, con il funerale del re T’Challa, e il dolore è centrale in tutto il film: come affrontarlo e come accettarlo e andare avanti, in una elaborazione del lutto e della perdita in più parti.

Mentre il cast è brillante, lo spettatore si sente sicuramente ancora più emotivamente impegnato, poiché il dolore è reale, poiché il cast e il regista hanno dovuto affrontare il dolore causato dalla morte del loro collega.

Il dolore dei Wakandani dovrà fare spazio alla vigilanza, poiché lo spettatore verrà presto introdotto al modo in cui  i paesi del Nord del mondo cercherebbero efficacemente di affrontare una superpotenza non allineata nel Sud del mondo, seguendo un manuale di istruzioni di brutalità coloniale e postcoloniale e di suprematismo bianco con secoli di storia.

Il Wakanda sarà all’altezza della sfida e, sebbene le donne wakandane siano state centrali nella prima puntata, questa volta sono a sinistra, a destra e al centro, con Letitia Wright, Angela Bassett, Danai Gurira, Lupita Nyong’o, Florence Kasumba, Michaela Coel e Dominique Thorne.

La regina Ramonda siede sul trono come sua regina alle prese con il suo dolore, mentre guarendo una nazione, Shuri affronta la perdita perdendosi nella scoperta scientifica, Nakia ha seguito un percorso diverso ma tornerà a difendere il suo paese, mentre le Dora Milaje sono sempre in prima linea per proteggere il loro paese,  guidate dal generale Okoye, con Ayo come colonnello e la nuova arrivata Michaela Coel come Aneka, forte e ribelle.

Dominique Thorne (Se Beale Street potesse parlare, Judas and the Black Messiah) interpreta Riri Williams alias Ironheart (che apparirà di nuovo nella sua serie su Disney +), un giovane geniale e spirito affine per Shuri, e la prima sarà al centro del conflitto tra Wakanda e una nuova potenza mondiale, l’impero sottomarino di Talokan.

Il film di Coogler devia dalla tradizione Marvel tradizionale, poiché Namor, interpretato dal nuovo arrivato, l’attore messicano Tenoch Huerta (The Forever Purge, Narcos Mexico) ha una storia di origine diversa dal Submariner dei fumetti, figlio di un capitano di mare britannico e di una principessa atlantidea ( un personaggio che ha debuttato nel 1939, due anni prima di Aquaman della DC e uno dei primi personaggi Marvel), un’origine che è collegata nel film alla mitologia mesoamericana, e in particolare a K’uk’ulkan, il Dio Serpente Pimuato adorato dai Maya dello Yucatan.

La presenza di Namor, interpretata con molta gravitas da Huerta, arricchisce il film espandendo la diversità e l’inclusione ai latini e ai discendenti delle popolazioni autoctone della Mesoamerica, e l’attenzione al colonialismo e all’annientamento dei nativi dell’America centrale per mano dell’Impero Spagnolo, mentre si prepara anche il franchise per l’introduzione degli X-Men, dato che Namor è un mutante.

Seguendo l’approccio visto nel primo film, Namor non è un supercriminale assetato di potere, ma un personaggio più stratificato, le cui decisioni non possono essere basate solo sul suo interesse personale, poiché è un re, e la rappresentazione in questo caso segue anche la tradizione del suo personaggio nei fumetti, poiché Namor non è né un criminale né un eroe, ma rientra appieno nella categoria degli antieroi.

Un film di supereroi e supereroine neri e nere come Wakanda Forever assume un connotato particolare quando si pensa all’Italia, dove lo spazio e l’idea di identità nera e di identità multiple e non bianche vengono costantemente soffocate dalle odiose retoriche del governo in carica (e di molti di quelli che lo hanno proceduto) e da un dibattito mediatico costantemente maschio, bianco, eterosessuale, cisgender e privilegiato, oltre che reazionario o liberal-reazionario, con la ossessione delle guerre culturali, nel segno di anti-woke, cancel culture e politicamente corretto, questioni che non riescono nemmeno a capire.

Personalmente, definendomi Afro-latino-caraibico-italiano, vedere due delle mie identità rappresentate in un blockbuster di queste dimensioni conta molto in quanto a rappresentazione e inclusione, e so che un giorno conterà anche per mio figlio.

Non si tratta di un fatto casuale peraltro che proprio nel nostro Paese l’impatto culturale del film precedente non sia lo stesso che si è visto altrove, ma le comunità afroeuropee questo impatto lo vedono, continuano a vederlo e mentre corpi come i nostri vengono definiti “carico residuale”, noi continueremo a lottare per raccontare le nostre storie e non lasciare ad altri le narrative che ci riguardano.

Wakanda Forever è potente, emotivo e stratificato, un trionfo della femminilità nera e identità multiple e un tributo e una lettera d’amore a Chadwick Boseman, il cui lavoro, dedizione e passione sono stati rivoluzionari e non saranno mai dimenticati, poiché la morte non è la fine.

Angelo Boccato

Giornalista di base a Londra dal 2013 focalizzato su diritti umani, migrazione l' estrema destra e tematiche sociali. I miei pezzi sono stati pubblicati sulla la Columbia Journalism Review, The Independent, Internazionale, Open Migration, Equal Times e per il Media Diversity Institute. Oltre a questo porto avanti il podcast dedicato a tematiche britanniche Post Brexit News Explosion insieme al videomaker Alessandro Mariscalco.
Podcast: anchor.fm/postbrexitnewsexplosion

Ultimi articoli