Economie

«C’è un concetto di cura, dentro l’etimo della parola economia, che ci riporta alla sua natura primaria, cioè quella di amministrare con attenzione la propria casa. Nei secoli questa disciplina è stata trascinata in un percorso spesso macabro, legato alle teorie di accumulazione. Di potere, eserciti, terra, risorse, profitto. Ma ci piace pensare che la sua radice sia ancora valida». L'editoriale del terzo numero del trimestrale di geopoetica: un viaggio di cento pagine tra l’economia del capitalismo e quella sana, tra lavoro e sfruttamento ambientale, tra le economie della paura e della solitudine fino a quelle di mondi paralleli.

Economie di ‘mercato’

Le economie legate ai mercati si sono evolute, adattandosi e trovando nuove forme ma soprattutto nuovi spazi. Un viaggio tra Spagna, Messico e Austria. «In una società che vive per il consumo, anche il significato di mercato è cambiato. Il suo uso sociale, che lo rendeva un luogo permeabile a chiunque, indipendentemente dalla sua condizione economica, è stato sostituito da un uso commerciale elitario di questi spazi, destinati ad accogliere funzioni e servizi non più disponibili a tutta la comunità».

Diritto a essere soccorsi

Le navi umanitarie tornano al centro della discussione politica, tra nuovi decreti e rapporti europei che rischiano di incrinarsi. Ne parliamo con Annalisa Camilli, giornalista ed esperta di migrazioni.

Cop27 e la campagna d’Egitto

Recommon esamina il rapporto fin troppo stretto e proficuo delle due big del settore fossile, Eni e Snam, della principale banca italiana, Intesa Sanpaolo, e dell’assicuratore pubblico nostrano, SACE, con