Meglio di un Romanzo

Lettura: 2 minuti

C’è un modo di fare giornalismo che trova irritanti gli scoop e i lanci d’agenzia, preferendo leggere le notizie come tracce di una storia, frammenti di mondi più ampi da raccontare. Un “genere” che ha come padri nobili autori del calibro di Truman Capote e Ryszard Kapuscinski, e che conosce una lunga tradizione che s’innova oggi grazie alla possibilità offerte dalle nuove tecnologie e alla sensibilità di molti giovani.

Un quartiere che sta scomparendo, una persona che si reinventa un lavoro, un fiume dove non si può più pescare, un esempio di scuola felice: per partecipare a Meglio di un romanzo basta scegliere una piccola o grande storia del nostro tempo e presentare un progetto su come raccontarla e con quale formato (reportage tradizionale, podcast o videoracconto).
Tre i temi proposti nel bando di quest’anno: genere, linguaggio, responsabilità.

LEGGI IL BANDO

SCHEDA PROGETTO

SCHEDA DI PARTECIPAZIONE

scadenza:
18 agosto 2023
per informazioni:
tel 0376.223989
megliodiunromanzo
@festivaletteratura.it

L’esito della selezione sarà reso noto entro il 22 agosto 2023.

Meglio di un romanzo è un progetto nato a Festivaletteratura nel 2014. È coordinato dal giornalista e condirettore di Q Code Magazine Christian Elia ed è rivolto a giovani autori di età compresa tra i 18 e i 30 anni che vogliano presentare al Festival un’opera inedita di giornalismo narrativo, tanto individuale che collettiva, in forma di reportage tradizionale, podcast o videoracconto. A partire dal 2017, dopo il lancio del bando annuale e la proposta dei temi, la selezione delle candidature e la discussione dei lavori al Festival in occasione delle pitching session, uno dei progetti partecipanti viene scelto per essere sviluppato a puntate sul sito e sui canali social di Festivaletteratura e della rivista Q Code Magazine. Negli anni sono nate produzioni originali capaci di raccontare realtà poco note del nostro Paese e non, talvolta completamente trascurate dalla stampa mainstream: città in rovina, universi lavorativi, eremi di silenzio, sanatori e sentieri dimenticati, quartieri difficili. In questa pagina sono tutte raccolte e liberamente fruibili.

Ultimi articoli