Tra ironia e fatica: vivere in Italia ai tempi della guerra in Ucraina

Lettura: 16 minuti

di Anastasia Dzyubak*

“Questa pagina parla di gioielli, ma io sono in esilio temporaneo. Cerco di non morire”, si legge nella descrizione della pagina Instagram di Kateryna Kiliachus di Kiev.

A un certo punto ha cambiato la sua attività di gioielliera con quella di straccivendola in un centro ricreativo italiano, ma non ha perso il senso dell’umorismo e continua a scrivere sul blog di gioielli e di varie altre cose personali. “Buonasera, Yelena Ivanovna, oggi mangiamo il borsch”, dice una donna alta e sorridente in una call, mostrando come un vero tesoro una confezione di borsch, che in Italia si può acquistare a un prezzo incredibile e solo nei negozi ucraini specializzati.

Dall’altra parte della telecamera c’è un’insegnante di matematica di Vinnytsia, che ha appena finito le lezioni con i bambini e dice che la vita nella loro città è quasi la stessa di prima di febbraio. E che ci sono ancora più auto, quindi se non fosse per l’allarme aereo, tutto sarebbe come al solito.

Secondo Google Maps, da Kiev a Marina di Camerotta, un paesino di alcune migliaia di abitanti nella regione italiana della Campania, ci sono 29 ore di macchina o più di due giorni di trasporto pubblico. Ma per Kateryna i bombardamenti e la paura per la vita dei suoi figli sono diventati le sfide più grandi durante il viaggio.

Kateryna e i gioielli

“Mia madre diceva sempre: studia bene e non diventerai un’inserviente. Mamma, ho infranto il sistema”, ha postato Kateryna in un reel dove spazza in un centro ricreativo italiano sulle note della canzone degli Aqua Vita “Le cose sono cambiate”.

Ha aperto il suo blog @lelitbejewerly su Instagram un anno e mezzo fa, quando ha deciso di rendere gradualmente popolare la sua piccola produzione di gioielli. Ha iniziato a postare collage di foto con gioielli di moda e le loro divertenti copie realizzate con mezzi improvvisati.

In questo modo ha raccolto più di 9 mila followers, ai quali talvolta raccontava i gioielli che realizzava.
In generale, la produzione, tra l’altro, è un’impresa appaltatrice di un noto marchio di gioielli che ha una rete di negozi in tutto il Paese e produce singoli modelli di gioielli. Non ci sono risorse per sviluppare una linea d’autore e investire nel marketing.

Quando a marzo scorso Katya e i suoi due figli – Polina di 12 anni e Pasha di 10 – sono stati costretti a trasferirsi in Italia, ha dovuto cercare un altro reddito. Tuttavia, ha deciso di continuare a scrivere sul blog. Ora ci sono video divertenti della sua vita e del centro ricreativo italiano: dalla pulizia dei frigoriferi al raffreddamento della pasta nella lavastoviglie.

“Una volta ho fatto un video in cui mostravo quello che ho fatto per la prima volta quest’anno. Stavo tirando fuori una palma da un vaso di fiori. In risposta, ho ricevuto un messaggio da una persona nota che diceva che avrei dovuto vergognarmi di mostrare il mio tempo libero quando il mio Paese è in guerra. Ma io non mi stavo riposando, stavo lavorando duramente, a volte per il cibo e la casa”, ricorda la donna. Tuttavia, la maggior parte delle recensioni ai suoi video sono positive: le persone scrivono che nei momenti difficili le sue storie divertenti sono una consolazione per l’anima.

L’Italia come “filo rosso”

L’Italia è apparsa per la prima volta nella sua vita quando aveva 6 anni. Allora, come bambina colpita dalla catastrofe di Chornobyl, fu mandata a riabilitarsi a migliaia di chilometri da casa, in una famiglia di cui non conosceva la lingua. Per poter comunicare in qualche modo con le persone che la ospitavano, la madre di Kateryna imparò la lingua e in seguito Kateryna la imparò da sola. Poi ci furono diversi altri viaggi.

La madre di Kateryna imparò la lingua così bene che iniziò anche a dare ripetizioni. A un certo punto il suo studente, direttore della fabbrica di gioielli di Kiev, le offrì un lavoro. L’azienda cercava una persona che conoscesse l’italiano nel reparto che si occupava della fornitura di attrezzature per la gioielleria. La madre di Kateryna rifiutò e suggerì alla figlia di provare. Disse che, sebbene fosse solo una studentessa di filologia, parlava inglese e italiano e sarebbe stata più adatta.

Così Kateryna ottenne il suo primo lavoro ben retribuito, le prime conoscenze sull’industria della gioielleria e interessanti viaggi d’affari. “A quei tempi, una spedizione postale era così costosa che per l’azienda era più redditizio pagare il mio volo per Milano che spedirlo”, ricorda. Ma in seguito l’azienda cominciò a declinare, Kateryna cambiò lavoro e andò in maternità, da cui non tornò più al lavoro. Insieme al marito, conosciuto alla Kyiv Jewelry Factory, hanno avviato un’attività in proprio.
Ancora una volta l’Italia appare all’orizzonte proprio prima della grande invasione.

A gennaio, un’amica italiana della sua infanzia invita lei e i suoi figli. Tuttavia, Kateryna non aveva ancora intenzione di partire.
Pochi giorni prima del 24 febbraio, lei e i suoi figli lasciarono l’appartamento di Kiev per raggiungere la casa estiva del padre in un villaggio tra Obukhiv e Vasylkiv.

“Mi sono svegliata a causa di un’esplosione. Ho pensato che fosse un tuono, ma poi mi sono ricordata che era febbraio. Non poteva esserci un tuono”, ricorda come è iniziata la guerra per lei.
Kateryna iniziò a chiedere al marito di partire, ma lui si oppose. “Diceva: “Chi ha bisogno di te lì? Cosa vuoi fare? Se c’è una minaccia reale, avrò il tempo di portarti via”, ricorda.

In due settimane c’è stata una forte esplosione nelle vicinanze. “Qualcosa è stato abbattuto davanti ai nostri occhi, rotolava sul campo, si sbriciolava e bruciava. E poi mio padre mi chiese: “Perché sei qui? Parli lingue straniere. Prendi i tuoi figli e vattene”.

“Ho iniziato a piangere: mio marito non ci lasciava andare”, racconta. Così, dopo una dolorosa litigata in famiglia, ha deciso di partire. “Abbiamo attraversato il confine con la Romania, sono stato fortunata a comprare 3 biglietti per Roma a 30 euro”. Mentre aspettava l’aereo, ha scritto a un’amica che l’ha chiamata, ma la donna le ha risposto che non poteva ospitarli.
“Sono rimasta scioccata. Ho capito che stavo volando con dei bambini verso il nulla. Ho iniziato a scrivere a tutti quelli che conoscevo”, ricorda la donna. Un’altra amica d’infanzia rispose e da Roma andarono a Napoli.

A quel punto Kateryna aveva già pensato a diverse possibilità di guadagno. Tuttavia, in Italia, i bambini sotto i 14 anni non possono essere lasciati da soli e non essere sorvegliati. Per questo motivo, i genitori possono essere privati della patria potestà. Così ha dovuto cercare un lavoro con orari liberi o che le permettesse di guadagnare per l’affitto e la tata. Tramite amici ha trovato un lavoro in un centro ricreativo a Marina di Camerota.


Che ci sia Kateryna e l’Italia

Dalla stazione ferroviaria di Pisciotta Palinuro un autobus porta in paese tre volte al giorno. O anche due volte. Oppure non lo fa affatto, se è domenica.
In estate il territorio era pieno di lettini, proprio come nella nostra Koblevo. La gente pagava 30 euro per un lettino, e con l’animazione acquatica e il bar, la spiaggia portava ai proprietari migliaia di euro al giorno. L’affitto mensile di un appartamento qui costava almeno 1000 euro.

“Era terribilmente caldo e lavoravo dalla mattina alla sera in cucina” – Kateryna ricorda la sua estate nella città sugli scogli, che è di moda tra gli italiani e i tedeschi. Poi, per i primi 3 mesi, ha lavorato per l’alloggio che le era stato assegnato presso il centro ricreativo. La chiama scherzosamente “Villariba”, come la città della pubblicità del detersivo.

Kateryna ha lasciato Kiev con 10mila hryvnja (moneta ucraina) e una scorta di 1000 dollari del padre. I soldi si sono dissolti in fretta.
“Ci hanno dato pasta e cibo in scatola. Ma i bambini hanno bisogno di carne e frutta”, dice, e le lacrimano gli occhi quando ricorda che non c’erano abbastanza soldi nemmeno per gli assorbenti.
Passati 3 mesi è iniziata l’alta stagione e il ristorante ha iniziato a funzionare; i lavoratori potevano anche mangiare. “Allora ho capito che non lavoravo solo per l’alloggio, ma anche per il cibo”, ride la donna.
In seguito, ha iniziato a ricevere uno stipendio. Ricorda che una volta, quando non ricevette denaro per un mese e mezzo, si mise a litigare.

Se Kateryna avesse lavorato per almeno tre mesi ufficialmente, dopo la fine della stagione, avrebbe potuto ricevere l’indennità di disoccupazione – circa 800 euro – fino alla stagione turistica successiva. È così che vive la maggior parte della gente del posto. Ma poiché lavorava in modo non ufficiale, perché stava ancora raccogliendo i documenti per ottenere il “permesso” (permesso di soggiorno e di lavoro), non ha avuto questo lusso. Dopo la fine della stagione, con difficoltà, ha trovato un posto in affitto, che ha affittato per i risparmi estivi.

Ora all’ultimo piano della casa sulla terza strada dal porto sventola la bandiera ucraina, che un cliente ha regalato a Kateryna.
Kateryna sta cercando un lavoro, ma finora le è stato offerto solo un lavoro come “badante” (assistenza agli anziani), un lavoro tipico che è rimasto come uno stigma per le donne ucraine.

“Qui l’Ucraina è spesso percepita come un Paese in cui le alci passeggiano per le strade e sono molto sorpresi quando parlo dei nostri servizi e dell’ufficio postale”, dice.
Racconta che quando è arrivata in Italia, ha portato con sé alcuni dei suoi gioielli e si è persino recata in una gioielleria locale per metterli in vendita, ma il proprietario le ha semplicemente mostrato le bollette: è così che i prezzi sono aumentati a causa della guerra in Ucraina. “Come se mi vedesse come un concorrente”, ride.

Durante gli 8 mesi trascorsi qui, Kateryna ha fatto conoscenza con metà del paese. È riuscita a imparare come la gente del posto pesca il pesce con una lampada, che sapore hanno il tonno appena pescato e le castagne arrostite, e ha iniziato a odiare la pasta.
Non pensa di trasferirsi in un’altra città, dove c’è più lavoro, perché non vuole nuovo stress per i suoi figli che qui hanno imparato la lingua e hanno già dei compagni di scuola.

Dice che la gente del posto è molto solidale. Spesso un panettiere locale la chiama nel pomeriggio per regalare pizza o dolci per i suoi figli.


“Mi vendono le patate a 3 euro per un sacco da 4 kg, non a 1,30 euro per 1 kg come tutti gli altri. Possono facilmente arrotondare l’importo per difetto. In quale altro posto si può trovare un atteggiamento così caloroso?”, riferisce nel suo blog.
Inoltre, percepisce questa situazione come temporanea e attende un ritorno sicuro in Ucraina.

Uno dei gioielli che Kateryna ha mostrato sul suo blog è un ciondolo d’argento chiamato “Home” a forma di casa con lo stemma dell’Ucraina. Kateryna riceve una parte di ogni gioiello venduto. Il resto va agli stipendi dei dipendenti rimasti a Kiev. Anche lei indossa questo ciondolo e pensa a come tornerà nel suo appartamento a Kiev, che è ancora affittato dagli sfollati interni, e a come cambierà la sua vita nel dopoguerra. Dopo tutto, ha già deciso di fare importanti cambiamenti nella sua vita personale e dopo otto mesi è diventata molto più sicura di sé.

  • Questo reportage è stato realizzato dalla collega Anastasia Dzyubak, durante il suo soggiorno protetto a Milano, nell’ambito del progetto Journalist in Residence – Milan, gestito da Q Code in coordinamento con Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa e l’European Centre for Press and Media Freedom (Lipsia, Germania), con il sostegno finanziario del programma Media Freedom Rapid Response dell’Unione Europea

Link all’articolo originale: https://texty.org.ua/articles/108249/vid-juvelirnoyi-spravy-do-italijskykh-zarobitkiv/

Ultimi articoli