Bruno Caccia e i muri liberati dalla mafia

Lettura: 2 minuti

Torino, 26 giugno 1983, sera. Il procuratore Bruno Caccia sta portando il suo cane a fare una passeggiata vicino a casa, senza scorta. Vengono sparati quattordici colpi di pistola da una macchina, altri tre a distanza ravvicinata. Caccia, 66 anni, viene ucciso.

Le prime indagini si concentrano sulla matrice terroristica dell’omicidio, ma ben presto ci si concentra su quella della criminalità organizzata, in particolare di stampo ‘ndranghetista. Bruno Caccia rimane l’unico magistrato ucciso dalle mafie nel nord Italia, in un’epoca in cui si faceva molta fatica a parlare di criminalità organizzata nei contesti settentrionali.

Oggi c’è un bene confiscato che porta il suo nome: Cascina Caccia, bene confiscato alla ‘ndrangheta sui colli torinesi, a San Sebastiano da Po. Dalla memoria del procuratore è nata un’esperienza di riutilizzo sociale che va avanti da diversi anni, dopo varie difficoltà: ci sono voluti più di vent’anni per fare in modo che i muri della cascina confiscata alla ‘ndrangheta tornassero a riempirsi di voci, persone, progetti.

Il bene, confiscato nel 1996, è stato lasciato dalla famiglia mafiosa dei Belfiore solo nel 2007, dopo anni in cui la famiglia ‘ndranghetista ha cercato in tutti i modi di ostacolarne il riutilizzo. Oggi è un bene aperto al pubblico, animato da una comunità di residenti che lo fanno vivere.

Una storia, quella di Bruno Caccia e della resistenza alla ‘ndrangheta nel Nord Italia, su cui si basa il graphic novel di Sofia Nardacchione e Enrico Natoli pubblicato sul primo numero del nostro semestrale cartaceo a tema “Muri”: lo ripubblichiamo oggi in occasione del quarantesimo anniversario della morte del procuratore torinese.

Sofia Nardacchione

Mi occupo di mafie e criminalità organizzata, con un racconto che va su più livelli - dai podcast alle inchieste, dai dossier ai video - e su più territori, a partire da Bologna. Sono responsabile informazione per Libera Bologna ed Emilia-Romagna, collaboro con la testata di giornalismo investigativo IrpiMedia, con Q Code Magazine e con altre testate nazionali e locali.

Enrico Natoli

Cura da diversi anni il sito di Q Code nei suoi aspetti tecnici; realizza vignette per il sito e talvolta storie per il cartaceo.
Nel resto del tempo illustra, insegna, mette in rete siti web, impagina, gestisce una cartoleria a Roma.

Ultimi articoli